Bonus baby sitter coronavirus – Citofonare Balzo

È previsto un bonus ai nuclei familiari per fare fronte alle spese per baby sitter dovute alla chiusura dei Centri semi-residenziali per disabili. Il bonus è valido le famiglie con figli ospitati nei Centri semi-residenziali sottoposti a chiusura a prescindere dall’età. Possono usufruirne,:

– Lavoratori dipendenti del settore privato
– Lavoratori iscritti alla Gestione separata
– Lavoratori autonomi iscritti all’INPS
– Lavoratori autonomi non iscritti all’INPS (subordinatamente alla comunicazione da parte delle rispettive casse previdenziali)
Per queste categorie spetta un bonus fino ad un massimo di 600 euro a famiglia che viene erogato tramite il Libretto Famiglia.

– Lavoratori dipendenti del settore sanitario, pubblico e privato accreditato, appartenenti alle seguenti categorie: medici; infermieri; tecnici di laboratorio biomedico; tecnici di radiologia medica; operatori sociosanitari; personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, impiegato per le esigenze connesse all’emergenza COVID-19;
Per queste categorie il bonus è erogato dall’INPS mediante il Libretto Famiglia con riferimento alle prestazioni rese a decorrere dal 5 marzo 2020 per i periodi di sospensione delle attività dei Centri. L’importo complessivo può, in questo caso, arrivare ad un massimo di 1000 euro per nucleo familiare.

Per tutte le categorie di lavoratori, il bonus potrà a breve essere richiesto sul sito web di INPS, o utilizzando la modulistica ufficiale a breve disponibile, o contattando il Contact Center Integrato di INPS (numero verde 803.164, gratuito da rete fissa, o numero 06.164.164 da rete mobile con tariffazione a carico dell’utenza chiamante), oppure gratuitamente tramite i patronati.

Non è possibile richiedere il bonus se:
– l’altro genitore è disoccupato/non lavoratore o usufruisce di strumenti di sostegno al reddito
– se è già stato richiesto il Congedo COVID-19

Il bonus può essere chiesto anche se si usufruisce dei giorni aggiuntivi di permesso retribuito (legge n.104/1992) o dei congedi parentali prolungati per i genitori di figli con disabilità grave.

Per tutte le novità e per accedere ai contenuti educativi gratuiti visita la pagina Citofonare Balzo.

Seguici su Facebook e su Instagram per rimanere sempre aggiornato.

Fonte: disabilita.governo.it

Facebooktwittergoogle_pluspinterest